CONTATTACI:info@footurelab.com

Footure Next GenerationFooture Next Generation: ALESSANDRO PLIZZARI

11 Luglio 2019

Nell’ottimo mondiale Under 20 giocato dall’Italia di mister Nicolato, uno degli elementi chiave è stato sicuramente Alessandro Plizzari.
Se qualche giorno fa vi abbiamo parlato dell’Europeo di Sebastiano Esposito come la ciliegina sulla torta del suo 2019, in questo focus dedicato a Plizzari dobbiamo fare un discorso opposto. Il diciannovenne scuola Milan infatti arrivava al mondiale dopo un paio di stagioni nelle quali non era riuscito a trovare continuità, ma nel corso della competizione ha fornito ottime prestazioni individuali, garantendo una buona affidabilità e risultando spesso decisivo per la sua squadra.

Gli sports data Footure Lab ci dicono qualcosa in più sulle sue caratteristiche, iniziando dalla sua attitudine generale: difesa della porta 57%, difesa dello spazio 43%. 

 

Portiere dotato di una buona tecnica di base, nelle modalità di difesa della porta predilige la presa (43.8%) e la presa a due tempi (18.8%), fondamentali con i quali riesce ad essere particolarmente efficace. Dati molto interessanti se pensiamo che quasi la metà (44%) dei tiri che ha dovuto fronteggiare sono partiti da dentro l’area di rigore.

La spettacolare doppia parata contro l’Ecuador

 

Efficacia nella difesa della porta anche contro i tiri dalla lunga distanza

 

Meritano un piccolo approfondimento anche i due rigori parati da Plizzari: uno nella partita contro l’Ecuador decisiva per la qualificazione degli azzurri alla fase ad eliminazione diretta, l’altro al 95’ dei quarti di finale vinti contro il Mali per 4-2.

Il rigore parato da Plizzari a Koita

 

Per quanto riguarda le uscite, i dati ci dicono che Plizzari difende lo spazio utilizzando con la stessa frequenza uscite alte e basse, prediligendo la presa alla respinta e riuscendo ad essere particolarmente efficace nell’anticipo sul diretto avversario.

 

 

Il suo contributo è stato convincente anche nella fase offensiva. L’Italia di Nicolato ha cercato di iniziare sempre l’azione dal basso, rendendo quindi necessario il coinvolgimento del portiere nella fase di costruzione: quando è stato chiamato in causa, Plizzari ha giocato sul corto nel 75% dei casi – nello specifico l’87% su situazioni statiche e il 64% in situazioni dinamiche – e nel complesso la precisione dei suoi passaggi ha superato l’80%, dati sicuramente incoraggianti considerando la giovane età del ragazzo.

SUBSCRIBE NOW

Don't miss our latest news and football game reports. We track record of success in training players.

MEET FOOTURELAB

Follow us on social and get in touch with us for any information.